Tipologie di Mutuo

Categorie: Mutui

Le tipologie di mutuo che è possibile sottoscrivere sono svariate, tuttavia, bisogna anche sapere quale è quella più adatta alle proprie esigenze economiche, in modo da cercare più informazioni possibili ed essere ben consapevoli del passo, importante, che si sta per compiere. Quello che cambia, principalmente, tra un tipo e un altro, è il tasso d’interesse, il che si traduce in una minore o maggiore spesa per chi lo sottoscrive.

I due classici mutui sono quelli a tasso fisso e a tasso variabile. Nel primo caso, il tasso d’interesse è sempre lo stesso, per tutta la durata del piano di ammortamento. È molto conveniente per finanziamenti di lunga durata.

Nel secondo caso, il tasso d’interesse cambia nel corso del tempo, seguendo le indicizzazioni previste dal contratto. È una buona soluzione se si prevede di estinguerlo in pochi anni, poiché, sul breve e medio periodo, si ripagano degli interessi meno elevati di quelli dovuti con un fisso.


Il mutuo a tasso fisso è una crasi dei due. In diversi tempi, si applicano prima un tasso fisso e poi un variabile, consentendo di modulare più agevolmente le spese.

Ci sono poi i mutui a tasso d’ingresso, con un tasso molto agevolato in fase iniziale e poi l’applicazione del fisso o del variabile, come da contratto.

I mutui ipotecari, pignoratizi o chirografari sono invece le suddivisioni che si ottengono prendendo come parametro le garanzie richieste: nel primo caso, un’ipoteca; nel secondo, un pegno; nel terzo, nessun tipo di garanzia.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!