Tasso d’ Interesse Legale in Aumento nel 2011

Categorie: Fisco e Leggi

Brutte notizie: oltre agli aumenti già entrati in vigore in numerosi settori (autostrade, trasporti pubblici, beni di consumo), anche chi è soggetto al pagamento di rate e a procedure di ravvedimento operoso dal punto di vista fiscale, sarà soggetto ad ulteriori aumenti.

Il perché è presto detto: il Ministero dell’Economia, basandosi sul rendimento medio dei titoli di Stato e sul tasso medio d’inflazione, ha portato in su l’asticella del tasso d’interesse legale che passa dall’1% all’1.5%. L’adeguamento è avvenuto a partire dal 1° gennaio 2011.

Cresce, quindi, la spesa per imposte e rate: attenzione ai nuovi calcoli che devono essere effettuati alla luce del rincaro sopra esposto.



Aiutiamo chi deve ancora versare al fisco importi dovuti per le imposte e ha deciso di seguire la cosiddetta procedura di ravvedimento operoso, specificando che il calcolo degli interessi deve essere effettuato a partire dal primo giorno successivo alla mancata scadenza e proseguire fino al giorno stesso in cui ci si mette in regola con il versamento in denaro dovuto.

I tassi d’interesse, però, devono essere sempre omogenei al periodo di riferimento, per cui, ad esempio, per quello compreso tra il 1° gennaio 2001 e il 31 dicembre 2001 il tasso sarà del 3.50%, a differenza del periodo compreso tra il 1° gennaio 2008 e il 31 dicembre 2009, in cui il tasso d’interesse era sceso al 3%.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!