Sconti prima casa anche all’ estero

Quando si effettua l’acquisto di un immobile è molto importante conoscere a fondo tutta la normativa e le agevolazioni disponibili. Questo ci farà risparmiare tempo e denaro. Una novità molto interessante riguarda una recente circolare a firma dell’Agenzia delle Entrate e che tratta la compravendita di un immobile all’estero. In questo caso, recita il documento, è possibile godere di tutti i benefici previsti dalla legge per l’acquisto di una prima casa, anche se l’immobile non si trova sul suolo italiano. Quindi se siete italiani ma acquistate la prima case sul suolo estero, avete diritto agli stessi sconti che avreste sul suolo italiano!

Le agevolazioni si estendono, tale e quale a quello che avviene in Italia, alle pertinenze delle abitazioni, comprate senza che si sia usufruito di alcun beneficio, al riacquisto di una prima casa all’estero, alla vendita dell’immobile prima che siano trascorsi cinque anni e all’ampliamento della casa stessa.



Nel caso di vendita prima della scadenza dei cinque anni, l’agevolazione rimane a patto che si riacquisti un altro immobile: questo meccanismo resta in piedi anche presso uno Stato estero, a patto che sia legato ad una sorta di convenzione con quello italiano o, come si dice in gergo, sia burocraticamente cooperante.

Per quanto riguarda i parametri da rispettare, valgono sempre quelli che vogliono l’edificio privo di caratteristiche di lusso o tali che lo rendano uno stabile signorile.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!