Prestiti Fiduciari: Come Funzionano e a Cosa Servono?

Categorie: Prestiti

Si sente spesso parlare di prestiti fiduciari ma in sostanza in cosa consistono e a cosa servono? Servono soprattutto agli studenti per finanziare il loro percorso di studi, per loro studiare è un diritto ma se si trovano in particolare situazione economica possono usufruire di questi fondi.

Un’azienda regionale come nel caso dell’Italia settentrionale mette a disposizione dei bandi per far sì che gli studenti possano fare domanda per richiedere i fondi necessari a finanziare il proprio percorso di studi e in questo caso non serve fornire particolari garanzie oppure un garante.

Non è solo questo l’uso che ha un prestito di tipo fiduciario visto che può essere perfetto anche per chi ha bisogno con una certa urgenza di liquidità, di solito l’istituto di credito lo eroga attraverso un bonifico bancario o un assegno non trasferibile intestato al richiedente.

Il rimborso viene fatto poi attraverso le classiche rate mensili come in tutti gli altri tipi di prestito; attualmente nonostante la crisi economica il prestito fiduciario è poco diffuso, viene erogato anche se ci sono già altri finanziamenti in corso purché il richiedente sia in grado di sopportare col proprio reddito il peso finanziario che deriva da due finanziamenti.

Si può ottenere fino ad un massimo di 30.000 euro circa, non è richiesta una particolare finalità per il prestito a meno che non si tratta di quelli per gli studi, si può rimborsare da un minimo di 12 rate fino ad un massimo di 120 rate cioè 10 anni; gli importi dei rimborsi di solito si possono personalizzare così da venire incontro alle esigenze di tutti.

Non si tratta ovviamente di un prestito adatto all’acquisto di beni di consumo, visto che non ha finalità particolari; però nel caso degli studenti, come nel caso di Unicredit che ha creato un’iniziativa davvero innovativa, ha messo a disposizione degli studenti dei conti correnti che una volta finito il periodo di utilizzo la somma che è stata usata viene trasformata in prestito personale.

Una volta avvenuta questa trasformazione, viene applicato un tasso di interesse molto agevolato; per avere maggiori informazioni è necessario recarsi presso la propria Università e capire quali sono i requisiti per ottenere questo tipo di aiuto finanziario per i propri studi.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!