Perizia Prima del mutuo? Sì, ed è vincolante

Categorie: Mutui

Quando si richiede un mutuo si è costretti sempre ad accettare che la banca svolga una perizia sull’unità immobiliare per la quale si intende richiedere un finanziamento.

Naturalmente, questa perizia è organizzata sulla base di specifici criteri e si concentra su alcuni elementi in modo particolare. Prima di tutto, serve ad identificare l’immobile, poi ne stabilisce il valore, dopodiché ne evidenzia la commerciabilità e prende atto che ogni cosa sia in ordine dal punto di vista legale.

Per effettuare l’identificazione dell’immobile il tecnico preposto dovrà recarsi al catasto e lì chiedere copia dei documenti che sono relativi a planimetria, metri quadri e ubicazione. Il notaio confronterà questo incartamento con quello presentato dal compratore e dall’acquirente e procederà solo nel caso in cui non vi siano rilevanti discrepanze in merito.



Calcolare il valore dell’immobile, altre sì, è fondamentale ed è probabilmente il punto di maggior interesse per l’istituto di credito. Infatti, è il valore immobiliare che determina la garanzia che la banca possiede nel caso di insolvenza del debitore.

Anche il valore commerciale è importante: infatti, edifici di pregio ma magari posti in luoghi isolati rappresentano un peso per l’istituto di credito molto più di piccoli monolocali nel centro di una grande città: una banca potrebbe, quindi, non concedere mutui, o comunque non avere incentivi, per immobili non ritenuti appetibili dal mercato in un dato momento.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!