Pagare a Rate il canone Rai, per i Pensionati si può

Categorie: Fisco e Leggi


Se si è in pensione e non si percepisce un reddito superiore ai 18 mila euro all’anno, è possibile richiedere la rateizzazione per il pagamento del canone Rai. Riuscire a effettuare la procedura non è complesso, basta conoscere quelli che sono i passaggi da compiere. La richiesta deve essere inoltrata all’ente previdenziale, dal momento che la possibilità è data esclusivamente ai pensionati: le rate massime sono in numero di undici, ciascuna senza interessi aggiuntivi.

Attenzione ai requisiti che è obbligatorio possedere perché la domanda vada a buon fine.



In primo luogo, bisogna avere già un abbonamento alla tv, poi un trattamento pensionistico già percepito al momento della presentazione del modulo e un reddito lordo non superiore, come abbiamo visto, ai 18 mila euro per l’anno precedente a quello in cui dovrebbe avvenire la rateizzazione.

Il modulo apposito, debitamente compilato, deve essere inoltrato alla sede Inpdap di riferimento sul proprio territorio e ha validità solo per l’anno in corso: deve, quindi, essere rinnovata volta per volta. Il canone dovrà essere corrisposto, così, entro il mese di novembre: se ciò non dovesse avvenire, l’Inpadap provvederà a rivalersi attraverso l’Agenzia delle Entrate, sul pensionato o sugli eredi, comunque dopo aver comunicato l’importo ottenuto e quello residuo.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!