News Finanziaria: Le Marche da Bollo non Potranno più Separarsi dai Certificati

Categorie: News Finanziarie

Fino a poco tempo fa eravamo abituati che i certificati venivano redatti in carta semplice ma da quest’anno non sarà più così. Infatti, d’ora in poi la marca da bollo ed il certificato anagrafico saranno amici inseparabili. Dall’entrata in vigore della nuova legge, tutte le documentazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione e in questo caso parliamo soprattutto dei certificati, per qualsiasi uso siano destinati devono tutti essere in bollo; la marca da bollo deve essere applicata ad ogni certificato a pena di nullità del certificato stesso. Ora come ora, facendo due conti, oltre alle spese che bisogna pagare al comune per i certificati è necessario pagare anche 14.62 euro per la marca da bollo, il richiedente non potrà in alcun modo scegliere se il certificato avrà o meno la carta con marca da bollo perché questo sarà obbligatorio. Non bollare il certificato significare evadere il costo della tassa e si viene multati in questo con un’aggiuntiva pena pecuniaria.

Le esenzioni a questo pagamento sono previste solamente in alcuni casi: edilizia agevolata, cooperative edilizie, ammissione all’asilo nido, assegni familiari, assunzioni, divorzi, adozioni; l’esenzione qualora ci sia deve essere ovviamente indicata nel modulo da parte del richiedente durante la compilazione; l’utilizzo di questi certificati anche se ottenuti con esenzioni per fini diversi a quelli indicati sul modulo sono una chiara violazione del regime fiscale attualmente vigente.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!