Le Commissioni delle Carte di Credito? Provocano Danni alla Concorrenza

Come già detto tante volte, le carte di credito sono uno dei prodotti finanziari più utilizzati dagli italiani anche se in quest’ultimo periodo ha visto un forte calo del numero di quelle effettivamente attive. Il problema più grave però sta negli esercizi commerciali che non accettano pagamenti con la carta per non pagare delle commissioni alla banca: proprio su questo argomento è intervenuta in questi giorni l’Unione Europea. Per evitare infatti che venga danneggiata irreparabilmente la concorrenza si cercherà di oltrepassare questo ostacolo, cercando di eliminare o ridurre comunque al minimo le commissioni da pagare alle banche.

Si tratta di un meccanismo che ormai da anni pregiudica gli incassi e la concorrenza di alcuni negozianti in particolare, ma gi nel 2007 aveva richiesto a Mastercard di rimuovere ogni tipo di tassazione entro i sei mesi. Non obbedendo però, ha richiesto insieme ad altre l’annullamento del provvedimento nei suoi confronti.

Il tribunale ha ovviamente respinto la protesta della Mastercard ma ha anzi ribadito tutte le motivazioni già date in precedenza come ancora perfettamente valide; secondo loro la mancata entrata di queste commissioni avrebbe spinto i clienti a rivolgersi ad un altro tipo di carte di credito (ragionamento che non sembra poi così sensato).

Nella motivazione del tribunale, si legge inoltre in modo molto chiaro di come queste commissioni pregiudicano i vantaggi che il cliente trae dall’utilizzo delle carte di credito; dando inoltre anche un valore maggiore alle reali spese che affronta un istituto finanziario nell’erogare una carta di credito.

Per una volta, una tassa che non è necessaria.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!