Individuare l’Importo della Rata Ape da Pagare: Ecco Come

Categorie: News Finanziarie

E’ stata da poco introdotta l’Ape anticipata in questa versione ed è tanta la confusione che si è creata tra i cittadini. Il consiglio è sempre quello di recarsi presso un caf convenzionato per chiedere consiglio. L’INPS alle tante domande ricevute ha solamente 60 giorni di tempo per rispondere.

rata ape anticipata

Per poter effettuare il calcolo dell’ape anticipata non servono moltissimi dati ma è semplice: prima di tutto è necessario avere l’importo lordo della propria pensione. Devono inoltre appartenere a delle determinate categorie come quella della gestione speciale o separata, lavoratori dipendenti, sostitutivi o esclusivi. Attenzione però oltre alla simulazione sul sito dell’INPS, per la vera e propria pratica meglio sempre rivolgersi ad un CAF

Ovviamente l’età del soggetto gioca un ruolo fondamentale visto che si tratta a tutti gli effetti di un prestito da restituire allo Stato. Il risultato che avrete la possibilità di vedere non sarà quello poi effettivo perché viene calcolato sulla pensione netta e non quella lorda.

Il Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri consiglia a tutti i cittadini di andare sempre ad un CAF perché la procedura non è proprio semplice per effettuare la richiesta. La risposta avviene abbastanza velocemente visto che l’INPS ha 60 giorni di tempo. Dovrebbe incidere sul bilancio degli italiani di circa il 4%, ad esempio per un Ape mensile di 1773€ il prestito che poi si dovrà restituire è di circa 227€ grazie al bonus fiscale, arrivando così ai 2000€ di pensione netta mensile.

Il simulatore aiuta solamente a farsi un’idea più o meno precisa…

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!