Fidarsi o non Fidarsi degli Intermediari Finanziari?

Categorie: Finanza

Un dilemma noto e spesso risolto, quello relativo agli intermediari finanziari. Diciamo subito che essere autorizzati dalla Consob non significa che, automaticamente, si tratta di una persona della quale potersi fidare ciecamente, ma di sicuro tale garanzia dovrebbe essere la prima da richiedere al proprio consulente.

Ad ogni modo, esiste qualche dritta per cercare di riconoscere un promotore finanziario onesto da uno dal quale stare in guardia. Ad esempio, meglio verificare subito la sua iscrizione all’albo dei promotori finanziari: basta una telefonata alla Camera di Commercio, all’Anasf o alla Consob. Meglio anche richiedere informazioni sul suo passato professionale, soprattutto nel caso in cui siano stati presi dei provvedimenti disciplinari nei suoi confronti.



Il promotore corretto presenterà sempre una lettera di mandato, nella quale viene messo nero su bianco la Sim per la quale opera. Se non dovesse farvi vedere questo importante documento, meglio scappare a gambe levate senza consegnargli neppure un centesimo.

Naturalmente, va sempre controllato che il prodotto, presentato tramite lettera di mandato sia davvero in regola e inserito nella lista dei prodotti che quella Sim può vendere. In caso contrario, avvisate la Consob e la Sim e, esattamente come avvertito in precedenza, non sottoscrivete alcun tipo di investimento.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!