Differenze tra Assegno Bancario e Assegno Circolare

Categorie: Conto Corrente

Forse non tutti sanno, finché non ci si scontrano direttamente per un’esperienza personale, che esistono due diverse tipologie di assegni, quello bancario e quello circolare. Non si tratta di una differenza che vale poco. L’assegno bancario è un titolo di credito attraverso il quale chi possiede un conto corrente chiede alla banca di pagare una determinata somma ad una persona, o più persone, che risultano essere i beneficiari dell’assegno stesso.

L’assegno circolare, invece, potrebbe essere uno strumento di pagamento adatto sia a chi possiede un conto corrente sia a chi non risulta esserne titolare. Infatti, la somma che verrà poi versata al o ai beneficiari è stata depositata contestualmente presso l’istituto di credito.


Dunque, con un assegno bancario non si può essere sicuri della copertura dello stesso, dato che il conto corrente del traente (ovvero di chi ha compilato l’assegno) potrebbe anche essere in rosso: da qui la clausola che viene inserita quando si effettua quest’operazione di incasso, “sbf, salvo buon fine”. L’assegno circolare è, invece, garantito da mezzi personali e la garanzia della copertura è insita. Gli assegni circolari non hanno quasi mai un costo: basta presentarsi allo sportello chiedendone l’emissione e versando i contanti relativi oppure autorizzando ad un addebito sul proprio conto corrente, se lo si possiede. L’assegno circolare è pagabile a vista e deve riportare obbligatoriamente il nome del beneficiario, la data e il luogo di emissione.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!