Cosa C’è da Sapere sulle Carte Revolving

Le carte revolving non sono ancora molto conosciute nel nostro paese, ma sono di certo un ottimo aiuto per tutti coloro che decidono di fare degli acquisti ma non ne hanno la possibilità, ciò a cui bisogna stare attenti sono le condizioni a cui vengono concesse.

carte-revolving

Ma che cos’è la carta revolving? E’ una vera e propria risorsa di denaro che viene messa a disposizione del soggetto che la richiede, che può essere usata non solo per fare acquisti ma anche per fare dei prelievi presso gli sportelli; quando il soggetto rimborsa ciò che ha preso dalla carta la disponibilità di soldi si ripristina (attraverso comode rate mensile).

L’importo della rata mensile viene stabilito dal soggetto nel momento in cui viene stipulato il contratto, può essere stabilita in percentuale oppure ad importo fisso anche di soli 50 euro al mese; a mano a mano che il soggetto restituisce le rate il credito sulla carta si ripristina a quanto stabilito all’inizio.

Gli interessi delle carte revolving vengono stabiliti proprio come nei prestiti: il TAN che è il tasso annuo nominale, e il TAEG che esprime il costo effettivo di un prestito visto che tiene conto anche di tutte le spese obbligatorie che è necessario affrontare in questi casi.

Ma quali sono i limiti di spesa che vengono concessi con una carta revolving? Non c’è un capitale limite fisso visto che varia in base all’ente o alla banca che la concede, e ovviamente anche in base all’affidabilità della posizione creditizia del richiedente; di solito tra i documenti si devono fornire non solo quelli di riconoscimento, ma anche la busta paga ed una bolletta recente.

In pochi sanno che inoltre c’è da pagare anche una quota associativa annua all’ente che emette la carta revolving, bisogna inoltre tenere conto poi di tutte le eventuali spese aggiuntive come l’invio degli estratti conto, commissioni su prelievo o ritardo di pagamento, e superamento del limite di credito.

L’aspetto a cui bisogna stare maggiormente attenti prima di richiedere una carta di questo tipo è certamente il tasso d’interesse perché molto spesso può essere decisamente alto; di sicuro non è una soluzione che si adatta a tutte le situazioni.

 

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!