Conto Corrente a Firma Congiunta o Firma Disgiunta

Categorie: Finanza

Il conto corrente è uno strumento abbastanza versatile, che prevede diverse opzioni volte a soddisfare i bisogni degli utenti. Tra i più classici, vi è la possibilità di scelta tra conto corrente a firma congiunta o a firma disgiunta. Vediamone le caratteristiche, perché spesso non si hanno le idee chiare in tal senso.

Naturalmente, in entrambi i casi, non si tratta più di semplici conti personali, ma presuppongono due intestatari differenti. Il conto risulta così, in entrambe le circostanze, contestato, sebbene cambino i termini di questa scelta.

Con la firma disgiunta ciascuno dei due correntisti ha facoltà di operare sul conto corrente in maniera del tutto autonoma, senza alcun bisogno di ricorrere all’autorizzazione dell’altro la firmatario per effettuare delle operazioni finanziarie.



La firma disgiunta è molto usata tra coniugi e la stessa giurisprudenza lo considera un conto matrimoniale.

La firma congiunta prevede che si usi lo stesso conto corrente, sempre condiviso fra due contestatari, ma la firma congiunta prevede che l’uno non possa agire senza l’approvazione dell’altro. Infatti, sia che si vogliano eseguire bonifici, pagamenti o versamenti, è necessario che entrambe le firme vengano apposte all’operazione.

Anche in questo caso, tale tipologia di conto corrente è molto in voga tra coniugi, ma soprattutto qualora si desidera che il patrimonio comune deve essere nella disponibilità di entrambi, ma solo previa autorizzazione dell’altro.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!