Continua la Pressione della BCE sull’Italia ed il suo Governo

Categorie: News Finanziarie

La pressione della BCE sull’Italia e sul suo Governo si fa sempre più importante, visto che è loro opinione che sia necessario agire in fretta non solo sul lavoro ma anche sulle nuove riforme; troppi sono ancora i rischi sulla crescita a livello europeo, e per questo sono sempre più importanti delle riforme di tipo strutturale.

bce

La debolezza del clima di fiducia è durata molto più del previsto, anche per questo la ripresa è prevista non prima della fine di questo 2013; dal canto suo la BCE farà tutto quello che può ma l’Italia deve portare a termine al più presto tutti i progetti di nuove riforme che sono rimasti in sospeso a causa della non formazione del Governo.

Risanare il proprio bilancio e dare liquidità alle banche è assolutamente necessario, tutta Europa dovrebbe fare questo per cercare di mantenere un’economia globale attivando così in tempi molto brevi anche l’unione bancaria.

Le stime per questo 2013 non sono certamente buone nemmeno per l’Italia ma se l’intervento non riguarderà anche il lavoro ed il potere d’acquisto delle famiglie i consumi non potranno mai crescere e di conseguenza nemmeno l’economia; la pressione fiscale deve essere tenuta in considerazione soprattutto ora che siamo nella recessione più profonda dove le famiglie non spendono più del necessario.

Il Governo ha un compito davvero difficile ma dovrà metterlo in atto al più presto se non vorrà incorrere nella pressione della BCE che vuole vedere da parte del paese impegno e soprattutto risultati come quelli ottenuti nei mesi scorsi.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!