Come valutare i Requisiti di un Immobile per la Concessione di un Mutuo

Categorie: Mutui

Senza un immobile sul quale iscrivere un’ipoteca, sarebbe praticamente impossibile poter ottenere la concessione di un mutuo.
Infatti, è l’ipoteca che garantisce il debito presso la banca e, per questo motivo, viene richiesto che gli immobili abbiano delle caratteristiche fondamentali, senza le quali non sarà facile avere dei finanziamenti superiori a circa 30 mila euro.
Prima di tutto, viene richiesto che il bene periziato sia esattamente quello presente al catasto: l’identificazione avviene attraverso i dati catastali ufficiali che possono individuare planimetria, confini e ubicazione dell’immobile.
Sempre tramite perizia, andrà poi valutato il valore dell’immobile, e sarà questo parametro a determinare in che misura l’unità abitativa possa rappresentare una garanzia per il mutuo.
Due sono i “valori” di cui si parla. Il valore commerciale identifica il prezzo al quale è possibile vendere un’unità immobiliare, il valore cauzionale, invece, rappresenta quello che si ottiene moltiplicando il valore commerciale per un coefficiente dato, pari al 90% o al 95%, ottenendo un risultato sempre inferiore a quello di vendita e che può rappresentare uno svantaggio per l’utente, qualora la banca si basi proprio su ciò per la concessione del mutuo.
Anche l’indice di commerciabilità di un immobile è importante e non ha a che vedere con il valore commerciale. È il caso, ad esempio, di edifici storici o siti in aree particolari: se dovesse sussistere questo tipo di problematica, la banca potrebbe rifiutare di acquisire l’immobile a garanzia ipotecaria.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!