Come ottenere un Mutuo in Valuta Estera

Categorie: Mutui

Anche se non è forse opinione comune, un mutuo può essere erogato in valuta estera, senza che ciò generi particolari problemi anche se si dovrà fare i conti con una procedura leggermente più complessa. Per valuta estera, si intende una moneta differente da quella nella quale è espresso l’atto di compravendita.
Questo genere di mutuo potrebbe interessate soprattutto quei cittadini dell’Unione Europea che intendano effettuare un acquisto al di fuori dell’UE o in Paesi aderenti ma con valuta differente, come nel caso del Regno Unito.
Chiedendo un mutuo in valuta estera, l’importo dovrà essere convertito nella valuta nella quale si procede all’acquisto del bene e tale cambio può avvenire sia contestualmente sia in differita rispetto al momento della compravendita in sé.
La banca e il cliente devono, quindi, trovare un accordo per il tasso di cambio da usare sia per l’erogazione del mutuo sia per il pagamento di ogni singola rata.
Attenzione tuttavia se non si dovesse disporre di una fonte di reddito nella stessa valuta del mutuo. In tal caso, l’importo della rata sarà calcolato al cambio corrente e ciò determina l’incertezza di fondo dell’importo della rata che non potrà essere conosciuto a priori.
È bene ricordare che un mutuo in valuta essere può essere sì più conveniente ma anche maggiormente rischioso quindi è necessario considerare in modo attento quella che è la propria propensione al rischio individuale.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!