Come Funzionano i Prestiti INPDAP nel 2013

Categorie: Prestiti

Visto che le norme che riguardano i prestiti e non solo cambiano praticamente ogni anno, è necessario rimanere sempre aggiornati per sapere cosa bisogna fare nel caso in cui ad esempio si vuole fare la richiesta presso un ente come l’INPDAP di un prestito, come funzionano in questo 2013?

INPDAP-2

L’ente previdenziale INPDAP mette a disposizione diverse tipologie di prestito agevolato, ci sono sia piccoli prestiti che prestiti pluriennali che avvengono tramite cessione del quinto o meglio definiti garantiti ed infine i prestiti diretti; tutti coloro che sono intenzionati a richiedere questo prestito all’ente di previdenza per i dipendenti pubblici ecco cosa dovrà fare in questo 2013 visto che vengono erogati dalla Gestione Unitaria Autonoma.

Una cosa che davvero in pochi sanno che l’INPDAP ha istituito delle particolari convenzioni con delle banche e degli enti finanziari per facilitare il più possibile la richiesta del prestito da parte dei soggetti.

Il fondo previdenziale dell’ente stesso viene alimentato da ciò che tutti gli associati sono obbligati a versare una tantum, e un altro tipo di donazione che viene fatta in modo volontario, in ogni caso però viene trattenuta direttamente sulla pensione o anche sullo stipendio; il prestito INPDAP nello specifico rientra nella categoria dei crediti a consumo e quindi come dice la parola stessa deve essere collegato con l’acquisto di un qualunque bene o servizio.

Per accedervi si deve essere lavoratori dipendenti oppure pensionati ed essere ovviamente iscritti anche alla Gestione Autonoma per le prestazioni creditizie e sociali altrimenti non avrete diritto di fare richiesta; rispetto alle altre tipologie di prestito una cosa che cambia è sicuramente la durata visto che va da un minimo di 12 ad un massimo di 48 mesi.

Come accade però in tutti gli altri finanziamenti anche qui abbiamo un piano di ammortamento con delle rate mensili per la restituzione del credito; i tassi di interesse a cui vengono proposti sono davvero agevolati in confronto a quelli che troviamo normalmente presso le banche e gli istituti di credito, un incentivo in più per fare la richiesta. Ovviamente recatevi sempre al vostro ente di appartanenza prima di effettuare qualunque richiesta per essere certi di presentare tutta la documentazione necessaria.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!