Come Comportarsi in Caso di Frode con la Carta di Credito

Le carte di credito possono essere davvero molto comode e possono rendere la vita più semplice a chi decide di usarla ma è anche vero che bisogna avere alcune cautele per non ritrovarsi in difficoltà a causa di eventuali truffe o tentativi di truffe ai quali si può essere soggetti.
Se si dovessero notare dei movimenti sospetti sul proprio estratto conto si dovrà subito cercare di ottenere un chiarimento da parte della propria banca e contattare il numero verde dell’assistenza clienti, così da bloccare la carta. È bene bloccare la propria carta di credito anche in caso di furto o di smarrimento, anche se poi bisognerà provvedere ad inviare copia della denuncia sporta presso le competenti Autorità, così da provare, senza ombra di dubbio, la non responsabilità, da parte del titolare, per le eventuali spese effettuate a partire da una certa data.
Se lo smarrimento o il furto dovessero avvenire nell’Unione Europea, potrebbe esserci comunque un tetto massimo di spesa applicabile, pari a 150 euro e da scalare dal conto del proprietario. Ad ogni modo, non tutte le banche applicano tale principio, dato che non si tratta di una clausola contrattuale vincolante. Per chi dovesse viaggiare spesso, sarà bene verificare se tale specifica opzione venga o meno adottata dal proprio istituto di credito di riferimento, così da poter eventualmente decidere di risolvere il rapporto.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!