Come Cambiare Mutuo per uno Migliore

Categorie: Mutui

Se vogliamo cambiare il mutuo che è diventato troppo caro e optare per uno migliore con un tasso più basso, abbiamo davanti a noi delle strade per operare in tal senso. Un po’ di pazienza e faccia tosta –ce n’è sempre bisogno quando si deve parlare di soldi- ma si può riuscire a spuntare qualcosa in meglio, rispetto a quanto già si ha.

La prima strada da seguire è la rinegoziazione che deve essere fatta con la banca con la quale abbiamo acceso, fin dall’inizio, il finanziamento. Per fortuna, non è necessario recarsi da un notaio per effettuare variazioni ed è sufficiente una scrittura privata tra le parti.


Inoltre, la banca non può addebitarvi alcun onere. Ricordate, però, che sono modificabili soltanto il tasso, lo spread e la durata delle rate.

Se questa strada non porta i risultati sperati si può provare con la surrogazione dell’ipoteca. In questo caso, dovremo rivolgerci ad un altro istituto di credito e dovremo stipulare un atto notarile. Allo stesso modo della rinegoziazione, sono modificabili il tasso, la durata e lo spread ma deve rimanere inalterato il capitale richiesto. Nessun costo, ad ogni modo, deve gravare sull’utente.

Se poi siamo fortunati, e siamo entrati in possesso di una somma tale da poter estinguere il mutuo precedentemente stipulato, possiamo pagare il nostro debito: attenzione soltanto a che non vi siano delle penali per il rimborso anticipato.

Nel caso in cui vogliamo chiedere ulteriore capitale, possiamo recarci da un nuovo soggetto finanziatore, chiudendo il vecchio rapporto (e il vecchio mutuo). In questo caso, dovremo stipulare un atto notarile e rinunciare ai benefici fiscali che sono applicati per l’acquisto di prima casa.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!