Andare in rosso senza costi

Categorie: Conto Corrente

Conto in rosso? Se gli importi sono piccoli, e l’avvenimento è occasionale, non sarà più applicata una commissione aggiuntiva da parte della banca. Questo l’impegno preso dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) per bocca del suo presidente, Giuseppe Mussari, che si è pronunciato anche sulle ottime probabilità di accordo tra gli istituti di credito in modo che venga semplificata la procedura nei confronti dei clienti che abbiano necessità di piccole somme di denaro e, pertanto, si trovano a dover sconfinare circa il fido previsto inizialmente.
Naturalmente, si parla sempre di cifre di modesta entità e di circostanze “una tantum”, dato che al ripetersi degli episodi sarà cura del direttore della filiale convocare il cliente e decidere del da farsi.



Ma l’apertura da parte del sistema bancario è anche interessata: ciascuna banca, infatti, deve mettere a preventivo un costo di circa 250 euro per ciascuno dei propri clienti in rosso, per la semplice apertura della pratica relativa.
Ecco, quindi, che le prospettive affinché la proposta diventi una norma operativa in tempi rapidi, magari proprio con l’inizio del nuovo anno, sono rosee. Senza contare che si recepirebbero, in tal modo, anche le richieste avanzate da parte della Commissione Finanze del Senato, circa una maggiore qualità dei rapporti tra banche e cittadini.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!