Adempimenti Catastali Case non a Norma


Attenzione alle scadenze che sono state previste da parte dell’Agenzia del Territorio per l’accatastamento di immobili che non sono ancora presenti nei registri del Catasto o per quelli che hanno subito degli ampliamenti e delle modifiche di destinazione d’uso. Sono due ancora i mesi per presentare spontaneamente una dichiarazione in merito ed evitare, così, di incorrere in sanzioni e in tasse da pagare.

Il termine ultimo per mettersi in regola è il 31 dicembre prossimo, così com’è stato proposto con il relativo decreto legge del 31 maggio 2010, n. 78. Gli accertamenti saranno eseguiti da parte dell’Agenzia del Territorio insieme con i Comuni, dopo che sarà stata attribuita d’ufficio una rendita presunta.



È partita, quindi, anche un’importante campagna istituzionale per consentire il rientro di posizioni ancora dubbie. Un allineamento spontaneo che dovrebbe servire anche all’incremento del gettito fiscale secondo le seguenti stime: 183 milioni di euro entro il 2011 e altri 104 milioni tra il 2012 e il 2013.

Secondo le prime stime, infatti, le case non segnalate al catasto superano i due milioni: una cifra che, se fosse confermata, apporterebbe fino 625 milioni di euro nelle casse dello Stato. Diversa l’incidenza, provincia per provincia: ai primi posti per “evasione”, due città del Sud, Salerno e Cosenza, insieme con la capitale, Roma, anch’essa purtroppo nella non certo edificante top ten.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!