Acquistare a rate, consigli

Categorie: Prestiti

Moda o esigenza, acquistare a rate sta diventando sempre più un’attività comune nel nostro Paese, complice anche una certa pubblicità che induce ad un cambiamento rapido di merci e di servizi. Comprare a rate è comodo, veloce e adatto anche a chi non possiede ingenti somme di contanti: ma è davvero conveniente? Come è facile intuire, è nella moderazione che si nasconde il segreto, ma poiché si tratta pur sempre di “filosofeggiare” con i propri soldi, meglio avere un occhio più critico e un po’ di pragmatismo in più.

La normativa di riferimento è quella contenuta nel TUB (testo unico bancario) e che permette di applicare il credito al consumo per importi non superiori ai trentamila euro circa.



Un contratto valido deve riportare una serie di informazioni obbligatorie: i dati del soggetto richiedente, i dati della banca o della finanziaria che eroghi il finanziamento, l’importo finanziato, il numero e la scadenza per ciascuna rata, ogni indicazione utile che riguardi il TAEG (Tasso annuo effettivo globale) e il TAN (Tasso annuo nominale), il prezzo del bene acquistato, l’importo e l’acconto eventualmente lasciati a garanzia, la descrizione del prodotto comprato.

Si deve essere sempre attenti a che tutto venga messo chiaramente per iscritto: in caso contrario il contratto può essere impugnato e considerato nullo.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!